Agricoltura del Marocco: la 15a edizione del Siam batte tutti i record

4 mins read
maroc - marocco

Agricoltura del Marocco: la 15a edizione del Siam batte tutti i record – Si è appena conclusa la 15° edizione della Fiera Internazionale dell’Agricoltura del Marocco (Siam). L’evento, iniziato il 2 maggio a Meknes dopo una pausa di tre anni a causa della crisi sanitaria, si è concluso domenica scorsa in bellezza. Questo evento, diventato un appuntamento irrinunciabile per l’agricoltura mondiale, ha riscosso un successo clamoroso, battendo diversi record.

“Abbiamo superato in questa edizione tutti i numeri e tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Abbiamo accolto più di 923.000 visitatori durante questa edizione, un dato rassicurante sull’interesse che i marocchini hanno per questa mostra”, confida alla stampa Jaouad Chami, curatore di questo evento, durante la chiusura della manifestazione. Il tema di quest’ultimo è stato “Generation Green: per una sovranità alimentare sostenibile” e il suo ospite d’onore è stato il Regno Unito.

Un altro dato significativo dell’importanza di questa manifestazione a livello mondiale: il numero di Paesi rappresentati. Settanta nazioni hanno partecipato a questa grande massa di agricoltura, quasi un terzo dei paesi del mondo – un record per il Siam, che aveva ospitato sessanta paesi nel 2019.

L’edizione di quest’anno si è sviluppata su una superficie di 18 ettari, il 10% in più rispetto all’edizione 2019, dove quasi millequattrocento espositori, di cui cinquecento cooperative, hanno presentato i propri prodotti e servizi. Quasi duemila allevatori hanno esposto le migliori razze e specie del Marocco presso il centro di allevamento e più di quaranta start-up specializzate in nuove tecnologie hanno svelato le loro soluzioni innovative per un’agricoltura sostenibile e competitiva.

Organizzata sotto l’alto patrocinio del re Mohammed VI, la 15a edizione del Siam si è articolata attorno a dieci poli (regioni, istituzioni e sponsor, internazionali, prodotti locali, macchinari, prodotti, forniture agricole, bestiame, produttori di mangimi, natura e vita).

Inoltre, ottocento esperti hanno moderato vari dibattiti e convegni organizzati a margine della manifestazione e quasi settecento giornalisti da tutto il mondo hanno seguito l’evento.

Uno dei momenti salienti di questa 15a edizione è stata senza dubbio la firma di 19 contratti di programma di nuova generazione tra lo Stato e la professione destinati allo sviluppo e all’ammodernamento dei settori della produzione agricola, per un importo complessivo in dieci anni di 110,7 miliardi di dirham marocchini (MAD ), ossia 10 miliardi di euro, con un contributo statale di circa 42,5 miliardi di MAD, ovvero 3,85 miliardi di euro, nell’ambito del Fondo di sviluppo agricolo (ADF). Questa edizione è stata anche segnata dallo svolgimento della 3a riunione ministeriale dell’Iniziativa per l’Adattamento dell’Agricoltura Africana (AAA) ai cambiamenti climatici, il cui tema era “La trasformazione dell’agricoltura africana per adattarsi ai cambiamenti climatici”.

Villaggio di start-up

Organizzata sotto l’alto patrocinio del re Mohammed VI, la 15a edizione del Siam si è articolata attorno a dieci poli (regioni, istituzioni e sponsor, internazionali, prodotti locali, macchinari, prodotti, forniture agricole, bestiame, produttori di mangimi, natura e vita), a cui si aggiunge il nuovo padiglione start-up Village, allestito su iniziativa del curatore generale della mostra. “Queste start-up hanno davvero dimostrato che la tecnologia deve evolversi con le tecniche agricole, una realtà confermata anche durante le 41 conferenze della manifestazione, che hanno affrontato temi importanti come la sovranità alimentare”, sottolinea il commissario generale della manifestazione, Jaouad Chami.

Ricorda che l’agricoltura è di grande importanza socio-economica in Marocco. Il settore genera quasi il 14% del PIL ed è considerato il principale fornitore di lavoro del paese con una quota del 40%.

Tratto da Arabnews

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog