ONU esorta ad indagare sul massacro del 1988 in Iran

4 mins read
onu - iran

ONU esorta ad indagare sul massacro del 1988 in Iran – Più di 150 ex funzionari delle Nazioni Unite ed esperti di diritti umani hanno chiesto all’ONU di indagare sul massacro di prigionieri politici del 1988 in Iran.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha ricevuto la lettera secondo cui le esecuzioni extragiudiziali “potrebbero costituire crimini contro l’umanità”.

I firmatari della lettera aperta includono l’ex Alto Commissario delle Nazioni Unite e presidente irlandese Mary Robinson, 28 ex relatori speciali delle Nazioni Unite sui diritti umani e presidenti di precedenti commissioni di inchiesta delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani in Eritrea e Corea del Nord.

Oltre a questi firmatari ci sono anche l’ex procuratore capo del Tribunale penale internazionale delle Nazioni Unite per l’ex Jugoslavia e il Ruanda, l’ex procuratore del Tribunale speciale per il Libano e il primo presidente del Tribunale speciale delle Nazioni Unite per la Sierra Leone.

I massacri, durati più di cinque mesi, rimangono in gran parte ignorati poiché molti parenti delle persone scomparse durante il massacro chiedono ancora informazioni sulla loro morte.

Nel 1988, l’allora leader supremo iraniano Rouhollah Khomeini ordinò l’esecuzione di tutti i prigionieri politici legati ai Mojahedin del popolo (MEK). In una seconda ondata subito dopo, furono uccisi anche altri oppositori del regime.

L’ex arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, l’ex primo ministro canadese Kim Campbell e il Premio Nobel per la Pace nel 1996 Jose Ramos-Horta, anche loro hanno firmato la lettera, in cui si afferma che le famiglie delle vittime sono “l’oggetto di minacce persistenti, molestie, intimidazioni e attacchi perché dei loro tentativi di ricercare informazioni sul destino e l’ubicazione dei loro parenti, nonché sulle loro richieste di giustizia ”.  Anche l’Associazione di giustizia per le vittime del massacro in Iran del 1988 (JVMI), insieme ad altre 23 importanti ONG internazionali tra i firmatari.

Tahar Boumedra, ex funzionario delle Nazioni Unite per i diritti umani in Iraq e consiglio dei consulenti della JVMI, in un’intervista rilasciata al giornale Arab News, ha detto:”Il sistema giudiziario iraniano è gestito dagli autori del massacro del 1988. Sebbene fossimo consapevoli della cultura dell’impunità all’interno del governo iraniano e della magistratura, questa realtà è stata evidenziata dall’omicidio a sangue freddo di circa 1.500 iraniani da parte delle autorità. durante le proteste antigovernative del 2019.”. “Dato il potenziale per un’altra rivolta nella società iraniana, siamo molto preoccupati per il rischio di un’ulteriore repressione.” .“Il massacro del 1988 rimarrà per sempre un crimine contro l’umanità. Le famiglie delle vittime continuano a ricevere pesanti condanne semplicemente per aver chiesto alle autorità dove siano stati sepolti i loro cari.” “Sette relatori speciali Onu hanno chiesto alle autorità iraniane di giustificare il massacro dello scorso settembre. Poiché le autorità iraniane si astengono ancora dal rispondere, è tempo che le Nazioni Unite conducano le proprie indagini su queste esecuzioni di massa “.

Redazione

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Neppure con un fiore!

Neppure con un fiore! di Salvatore Sfrecola “Le donne non si sfiorano neppure con un fiore!”

QUELL’ASSE ALGERIA-RUSSIA-IRAN

QUELL’ASSE ALGERIA-RUSSIA-IRAN – La settimana scorsa l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi e il presidente e direttore generale