Il re e la regina di Giordania ricevono il premio Vaticano

3 mins read
Rania e Abdallah in Vaticano
(Fonte: "Arab News")

. L’inviato del Vaticano alle Nazioni Unite presenta alla coppia reale il premio Path to Peace 2022 durante un evento di gala

. La regina Rania ha elogiato per l’attenzione all’istruzione, la definizione delle priorità dei giovani

LONDRA: La Fondazione vaticana Path to Peace ha conferito al re di Giordania Abdullah e alla regina Rania il premio Path to Peace 2022 per la loro promozione dell’armonia e del dialogo interreligioso.

Lodando la coppia reale per uno “sforzo lungo anni” nella promozione della pace e della cooperazione interreligiosa in Medio Oriente, l’Ambasciatore del Vaticano presso le Nazioni Unite, l’arcivescovo Gabriele Caccia, ha fatto la presentazione al 29° gala annuale della fondazione a New York.

L’inviato ha sottolineato l’attenzione della regina all’istruzione e la definizione delle priorità dei giovani nel suo lavoro. Ha detto: “(Sua Maestra, ndr) Ha mostrato a lungo preoccupazione per le questioni dell’istruzione, della connettività e del dialogo interculturale, nonché della sostenibilità, dell’ambiente e della migrazione, che pone i giovani al centro delle soluzioni ed è intrisa di un senso di speranza.”

Il re Abdullah ha affermato di aver accettato il premio a nome dei “giordani, uomini e donne, giovani e anziani, musulmani e cristiani allo stesso modo”. Notando che Gerusalemme è anche la casa di molti cristiani arabi, parte della più antica comunità cristiana del mondo, ha osservato che “il nostro viaggio verso la pace deve attraversare Gerusalemme”, descrivendo la città come “la chiave per il futuro e la stabilità che tutti cerchiamo .”

Ha aggiunto: “Gerusalemme dovrebbe essere un’ancora per la pace e la convivenza, non per la paura e la violenza. Le (sfide più difficili del mondo) saranno affrontate attingendo alla nostra fede in Dio, alla nostra comune umanità e alla nostra volontà di sconfiggere insieme la povertà e la disperazione e di porre fine all’occupazione e all’ingiustizia.

“(Inoltre), ad aiutare i rifugiati di tutto il mondo a tornare a casa, pronti a ricostruire comunità distrutte e rinnovare la speranza di cui i giovani di tutto il mondo hanno così disperatamente bisogno”.

Il monarca ha invitato la comunità internazionale a lavorare per una pace giusta e duratura in Terra Santa attraverso una soluzione a due stati con Gerusalemme Est come capitale di uno “Stato palestinese indipendente, sovrano e vitale … ​​che vive fianco a fianco con Israele.”

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Perdonaci Saman

Perdonaci Saman – Con qualche piccolo trafiletto i media ci hanno informato che gli assassini di Saman