La dichiarazione del Presidente Vladimir Putin alla Nazione. 24 Febbraio 2022. Testo integrale.

30 mins read
الانفصاليون - Kherson - mosca - Putin - russia - ucraina - فلاديمير
Vladimir Putin

Fonte  https://tass.ru/politika/1382991

 

Putin:

Cari cittadini russi! Cari amici!

Oggi ancora una volta ritengo necessario tornare ai tragici eventi che si svolgono in Transcarpazia, e le questioni chiave per garantire la sicurezza della Russia stessa.

Inizierò con quello che ho detto nel mio discorso del 21 febbraio di quest’anno. Si tratta di quello che ci provoca particolare preoccupazione e l’ansia, di quelle fondamentali minacce, che di anno in anno, passo dopo passo approssimativamente e senza tanti complimenti creati irresponsabili politici in Occidente nei confronti del nostro paese. Intendo l’espansione del blocco della NATO verso est, l’avvicinamento delle sue infrastrutture militari ai confini russi.

È ben noto che per 30 anni abbiamo cercato con insistenza e pazienza di negoziare con i principali paesi della NATO i principi di una sicurezza uguale e indivisibile in Europa. In risposta alle nostre proposte, abbiamo costantemente affrontato imbrogli cinici e bugie o tentativi di pressione e ricatti, e l’Alleanza nel frattempo, nonostante tutte le nostre proteste e preoccupazioni, si sta espandendo costantemente. Una macchina da guerra si muove e, ripeto, si avvicina ai nostri confini da vicino.

Perché tutto questo accade? Da dove viene questo modo sfacciato di parlare da una posizione di propria esclusività, infallibilità e permissività? Da dove viene l’atteggiamento sprezzante e sprezzante nei nostri interessi e nei nostri requisiti assolutamente legali?

La risposta è chiara, tutto è chiaro e ovvio. L’Unione Sovietica alla fine degli anni ‘ 80 del secolo scorso si indebolì e poi crollò completamente. L’intero corso degli eventi accaduti allora è una buona lezione per noi e oggi, ha dimostrato in modo convincente che la paralisi del potere, della volontà è il primo passo verso il completo degrado e l’oblio. Non appena abbiamo perso la fiducia in noi stessi per un po’, e tutto – l’equilibrio di potere nel mondo è stato rotto.

Ciò ha portato al fatto che i precedenti contratti, gli accordi in realtà non funzionano. Le richieste e le richieste non aiutano. Tutto ciò che non è soddisfatto dell’egemone, che detiene il potere, è dichiarato arcaico, obsoleto, inutile. E viceversa: tutto ciò che sembra vantaggioso per loro è presentato come verità in ultima istanza, spinto a tutti i costi, maleducato, con tutti i mezzi. I dissidenti si rompono attraverso il ginocchio.

Quello di cui sto parlando ora riguarda non solo la Russia e non solo la nostra preoccupazione. Questo vale per l’intero sistema di relazioni internazionali, e talvolta anche gli stessi alleati degli Stati Uniti. Dopo il crollo dell’URSS in realtà è iniziata la spartizione del mondo, e stabiliti da questo momento le norme del diritto internazionale, e chiave, base dei quali sono stati adottati a seguito della Seconda guerra mondiale e in gran parte hanno agganciato i suoi risultati, – acciaio interferire con chi si è dichiarato il vincitore nella guerra fredda.

Naturalmente, nella vita pratica, nelle relazioni internazionali, le regole per regolarle dovevano essere prese in considerazione e cambiare la situazione nel mondo e nell’equilibrio stesso delle forze. Tuttavia, questo dovrebbe essere fatto professionalmente, senza intoppi, con pazienza, tenendo conto e rispetto degli interessi di tutti i paesi e nella comprensione della loro responsabilità. Ma no-uno stato di euforia dalla supremazia assoluta, una sorta di tipo moderno di assolutismo, e anche sullo sfondo del basso livello della cultura generale e della spavalderia di coloro che hanno preparato, preso e spinto solo soluzioni redditizie per se stessi. La situazione ha cominciato a svilupparsi in un altro scenario.

Non è necessario andare lontano per esempi. All’inizio, senza alcuna sanzione, Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha condotto un’operazione militare sanguinosa contro Belgrado, ha usato l’aviazione, i missili proprio nel cuore Dell’Europa. Diverse settimane di bombardamenti continui in città pacifiche, infrastrutture di supporto vitale. Dobbiamo ricordare questi fatti, e alcuni colleghi occidentali non piace ricordare quegli eventi, e quando ne parliamo, preferiscono indicare non le norme del diritto internazionale, e le circostanze che trattano come meglio credono.

Poi è arrivato il turno di Iraq, Libia, Siria. L’uso illegittimo della forza militare contro la Libia, la perversione di tutte le decisioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione libica ha portato alla completa distruzione dello Stato, al fatto che è sorto un enorme focolaio di terrorismo internazionale, al fatto che il paese è immerso in una catastrofe umanitaria, nell’abisso della guerra civile che non si ferma La tragedia, che ha condannato centinaia di migliaia, milioni di persone non solo in Libia, ma in tutta questa regione, ha generato un esodo migratorio di massa dal Nord Africa e dal Medio Oriente all’Europa.

Tale destino preparato e la Siria. I combattimenti della coalizione occidentale sul territorio di questo paese senza il consenso del governo siriano e le sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non sono altro che aggressione, intervento.

Tuttavia, un posto speciale in questa serie è, naturalmente, l’invasione Dell’Iraq, anche, senza alcuna base giuridica. Come scusa scelto presumibilmente disponibile negli Stati Uniti informazioni affidabili sulla presenza in Iraq di armi di distruzione di massa. Per dimostrarlo pubblicamente, davanti a tutto il mondo, il Segretario di Stato USA ha scosso una sorta di provetta di polvere bianca, assicurando a tutti che questa è un’arma chimica in via di sviluppo in Iraq. E poi si è scoperto che tutto questo è un imbroglio, un bluff: non ci sono armi chimiche in Iraq. Incredibilmente, sorprendentemente, resta il fatto. Ci sono state Bugie al più alto livello statale e dall’alta Tribuna delle Nazioni Unite. E il risultato sono enormi sacrifici, distruzione, un’incredibile ondata di terrorismo.

In generale, l’impressione è che quasi ovunque, in molte regioni del mondo, dove L’Occidente viene a stabilire il Suo ordine, alla fine rimangono sanguinose, ferite non curative, piaghe del terrorismo internazionale e dell’estremismo. Tutto ciò che è stato detto sono i più eclatanti, ma non gli unici esempi di negligenza del diritto internazionale.

In questa serie e la promessa del nostro paese di non espandere un pollice della NATO a est. Ripeto-ingannato, ma per dirla in modo popolare, semplicemente gettato. Si’, si sente spesso che la politica e ‘ una cosa sporca. Forse, ma non tanto, non tanto. Dopo tutto, questo comportamento Schuler contraddice non solo i principi delle relazioni internazionali, ma soprattutto le norme generalmente riconosciute di moralità e moralità. Dov’è la giustizia e la verità? Solo bugie e ipocrisia.

A proposito, gli stessi politici americani, scienziati politici e giornalisti scrivono e dicono che all’interno degli Stati Uniti è stato creato negli ultimi anni un vero e proprio “impero della menzogna”. È difficile non essere d’accordo con questo – è così. Ma non essere modesto: gli Stati Uniti – è ancora un grande paese, un sistema di potere. Tutti i suoi satelliti non solo rassegnano e obbediscono, le cantano in ogni occasione, ma copiano anche il suo comportamento, accettano con entusiasmo le regole proposte da loro. Pertanto, con la piena ragione, possiamo tranquillamente dire che l’intero cosiddetto blocco occidentale, formato dagli Stati Uniti a sua immagine e somiglianza, è tutto quello che è lo stesso “impero della menzogna”.

Per quanto riguarda il nostro paese, dopo il crollo DELL’Unione Sovietica con tutta l’apertura senza precedenti della Nuova Russia moderna, la volontà di lavorare onestamente con gli Stati Uniti e altri partner occidentali e in realtà unilaterale disarmo abbiamo immediatamente cercato di resistere, finire e distruggere completamente. È così che è stato negli anni ‘ 90, all’inizio degli anni 2000, quando il cosiddetto Occidente collettivo sosteneva il separatismo e le bande di mercenari nel sud della Russia nel modo più attivo. Quali vittime, quali perdite ci sono costate, quali prove abbiamo dovuto affrontare prima di rompere definitivamente la spina dorsale del terrorismo internazionale nel Caucaso. Lo ricordiamo e non lo dimenticheremo mai.

Sì infatti, e fino a poco tempo non si placano i tentativi di usare noi, nel loro interesse, di distruggere i nostri valori tradizionali e di imporre le loro gli pseudo-valori, che разъедали noi, il nostro popolo dall’interno, quelli di installazione, che sono già aggressivo sviluppa nei loro paesi e che portano alla degradazione e degenerazione, perché è contro la natura dell’uomo. Non succedera ‘mai, non e’ mai successo a nessuno. Non posso farlo adesso.

Nonostante tutto, nel dicembre 2021 abbiamo ancora una volta tentato di negoziare con gli Stati Uniti e i loro alleati sui principi di sicurezza in Europa e sulla non espansione della NATO. E ‘ inutile. La posizione degli Stati Uniti non cambia. Essi non ritengono necessario negoziare con la Russia su questo tema chiave per noi, perseguendo i loro obiettivi, trascurano i nostri interessi.

E, naturalmente, in questa situazione abbiamo la domanda: Cosa fare dopo, cosa aspettare? Sappiamo bene dalla storia, come nell’anno 40 e all’inizio del 41 ° Anno del secolo scorso L’Unione Sovietica ha cercato in ogni modo di prevenire o almeno ritardare l’inizio della guerra. Per fare questo, tra cui ha cercato letteralmente fino all’ultimo di non provocare un potenziale aggressore, non ha esercitato o rinviato le azioni più necessarie e ovvie per prepararsi a respingere l’inevitabile attacco. E quei passi che sono stati alla fine presi, sono già catastroficamente in ritardo.

Di conseguenza, il paese non era pronto a soddisfare pienamente l’invasione della Germania nazista, che senza dichiarare guerra attaccò la nostra patria il 22 giugno 1941. Il nemico è riuscito a fermare e poi a schiacciare, ma a un costo colossale. Il tentativo di compiacere l’aggressore alla vigilia della Grande Guerra Patriottica è stato un errore che è costato caro al nostro popolo. Nei primi mesi di combattimento, abbiamo perso enormi territori strategicamente importanti e milioni di persone. La seconda volta non permetteremo un tale errore, non abbiamo il diritto.

Coloro che rivendicano il dominio del mondo, pubblicamente, impunemente e, sottolineo, senza alcun motivo ci dichiarano, la Russia, il loro nemico. Essi, infatti, hanno oggi grandi capacità finanziarie, scientifiche, tecnologiche e militari. Lo sappiamo e valutiamo oggettivamente le minacce che suonano costantemente al nostro indirizzo nel campo dell’economia, così come le nostre capacità di resistere a questo sfacciato e permanente ricatto. Ripeto, li valutiamo senza illusioni, estremamente realistici.

Per quanto riguarda l’esercito, la Russia, anche dopo il crollo dell’unione SOVIETICA e la perdita di gran parte del suo potenziale è oggi uno dei più potenti potenze nucleari del mondo e, inoltre, presenta vantaggi in un certo numero di nuovi tipi di armi. A questo proposito, nessuno dovrebbe avere dubbi sul fatto che un attacco diretto al nostro paese porterà a devastazioni e conseguenze terribili per qualsiasi potenziale aggressore.

Tuttavia, la tecnologia, compresa la difesa, sta cambiando rapidamente. La leadership in questo settore passa e passerà di mano in mano, ma il militare mastering adiacenti ai nostri confini dei territori, se lasciamo fare, rimarrà per decenni a venire, e forse per sempre e sarà creare per la Russia costantemente crescente, assolutamente inaccettabile la minaccia.

Già ora, con L’espansione della NATO verso est, la situazione per il nostro paese sta peggiorando e diventando sempre più pericolosa ogni anno. Inoltre, negli ultimi giorni, la leadership della NATO parla direttamente della necessità di accelerare, forzare la promozione delle infrastrutture Dell’Alleanza ai confini della Russia. In altre parole, stanno stringendo la loro posizione. Non possiamo continuare a guardare quello che sta succedendo. Sarebbe assolutamente irresponsabile da parte nostra.

L’ulteriore espansione delle infrastrutture Dell’Alleanza, ha iniziato lo sviluppo militare dei territori Dell’Ucraina per noi inaccettabile. La questione, ovviamente, non è l’organizzazione stessa della NATO – è solo uno strumento di politica estera degli Stati Uniti. Il problema è che nei territori adiacenti a noi-noto, nei nostri territori storici-crea ostile a noi “Anti-Russia”, che è messo sotto il pieno controllo esterno, fortemente radicata dalle forze armate dei paesi natali e pompato con le armi più moderne.

Per gli Stati Uniti e i loro alleati, questa è la cosiddetta politica di contenimento della Russia, evidenti dividendi geopolitici. E per il nostro paese – è alla fine una questione di vita o di morte, una questione del nostro futuro storico come popolo. E non è un’esagerazione – lo è. Questa è una vera minaccia non solo ai nostri interessi, ma all’esistenza stessa del nostro Stato, alla sua sovranità. Questa è la stessa linea rossa di cui si è parlato più volte. L’hanno superata.

A questo proposito – e la situazione in Transcarpazia. Vediamo che le forze che nel 2014 hanno commesso in Ucraina gosperevorot, hanno preso il potere e tenerlo con l’aiuto, infatti, decorativi procedure elettive, infine abbandonato la soluzione pacifica del conflitto. Otto anni, infinitamente lunghi otto anni, abbiamo fatto tutto il possibile per risolvere la situazione con mezzi pacifici e politici. E ‘ tutto inutile.

Come già detto nel suo precedente discorso, non si può guardare senza compassione a ciò che sta accadendo lì. Sopportare tutto questo era semplicemente impossibile. È stato necessario porre fine immediatamente a questo incubo genocidio nei confronti dei milioni di persone che vivono lì, che sperano solo in Russia, sperano solo in noi con voi. Sono queste aspirazioni, sentimenti, dolore delle persone che sono stati per noi il motivo principale per prendere una decisione sul riconoscimento delle repubbliche popolari del Donbass.

Che considero importante sottolineare ulteriormente. I principali paesi della NATO per raggiungere i propri obiettivi in tutti supportano in Ucraina estremi nazionalisti e neonazisti, che a sua volta non lo faranno mai crimea e di sebastopoli loro libera scelta – la riunificazione con la Russia.

Essi, naturalmente, saliranno in Crimea, e così come nel Donbass, con la guerra, al fine di uccidere, come ucciso persone indifese punitori di bande di nazionalisti ucraini, complici di Hitler durante la Grande Guerra Patriottica. Dichiarano francamente che pretendono di una serie di altri territori russi.

L’intero corso degli eventi e l’analisi delle informazioni in arrivo mostra che lo scontro tra la Russia e queste forze è inevitabile. È solo una questione di tempo: si stanno preparando, stanno aspettando un’ora comoda. Ora rivendicano anche il possesso di armi nucleari. Non lo lasceremo fare.

Come accennato in precedenza, la Russia dopo il crollo DELL’URSS ha adottato nuove realtà geopolitiche. Rispettiamo e tratteremo anche tutti i paesi appena formati nello spazio post-sovietico. Rispettiamo e rispetteremo la loro sovranità, e un esempio di questo è l’aiuto che abbiamo fornito al Kazakistan, che ha affrontato tragici eventi, con la sfida della sua statualità e integrità. Ma la Russia non può sentirsi al sicuro, svilupparsi, esistere con una costante minaccia proveniente dal territorio Dell’Ucraina moderna.

Vi ricordo che nel 2000-2005, abbiamo dato un combattimento militare ai terroristi nel Caucaso, difeso l’integrità del nostro stato, mantenuto la Russia. Nel 2014 sostenuto Crimea e Sebastopoli. Nel 2015-m hanno utilizzato le forze armate per mettere un affidabile scudo di penetrazione di terroristi dalla Siria alla Russia. Non c’era altro modo per proteggerci.

La stessa cosa sta accadendo ora. Io e te non abbiamo lasciato nessun altro modo per proteggere la Russia, la nostra gente, tranne quella che dovremo usare oggi. Le circostanze ci richiedono un’azione decisiva e immediata. Le repubbliche popolari del Donbass si sono rivolte alla Russia con una richiesta di aiuto.

A questo proposito, in conformità con l’articolo 51 della Parte 7 dello Statuto delle Nazioni Unite, con la sanzione del Consiglio della Federazione Russa e in conformità ratificato Dall’Assemblea federale il 22 febbraio di quest’anno, i contratti di amicizia e di assistenza reciproca con la Repubblica Popolare di Donetsk e la Repubblica Popolare di Lugano, ho deciso di condurre un’operazione militare speciale.

Il suo obiettivo è quello di proteggere le persone che per otto anni sono vittime di bullismo, genocidio da parte del regime di Kiev. E per questo ci adopereremo per la smilitarizzazione e denacificazione Dell’Ucraina, così come la leggenda della Corte di coloro che hanno commesso numerosi, sanguinosi crimini contro i civili, compresi i cittadini della Federazione Russa.

Allo stesso tempo, i nostri piani non includono l’occupazione dei territori ucraini. Non imporremo nulla a nessuno. Tuttavia, sentiamo che negli ultimi anni in Occidente sono sempre più le parole che i documenti firmati dal regime totalitario sovietico che fissano i risultati della Seconda Guerra Mondiale non dovrebbero essere già eseguiti. Bene, cosa rispondere a questo?

I risultati della Seconda guerra mondiale, così come i sacrifici fatti dal nostro popolo sull’altare della vittoria sul nazismo, sono sacri. Ma questo non contraddice gli alti valori dei diritti e delle libertà umane, sulla base di quelle realtà che si sono sviluppate oggi per tutti i decenni del dopoguerra. Inoltre, non abolisce i diritti delle Nazioni all’autodeterminazione sancita nell’articolo 1 dello Statuto delle Nazioni Unite.

Vi ricordo che né durante la creazione DELL’Unione Sovietica, né dopo la Seconda Guerra Mondiale, le persone che hanno vissuto in alcuni territori, inclusi nella moderna Ucraina, nessuno ha mai chiesto su come essi stessi vogliono organizzare la loro vita. Al centro della nostra politica c’è la libertà, la libertà di scelta per tutti di definire autonomamente il loro futuro e il futuro dei loro figli. E noi crediamo che sia importante che questo diritto-il diritto di scelta – possano beneficiare di tutti i popoli che vivono nel territorio Dell’Ucraina di oggi, tutti coloro che lo vogliono.

A questo proposito, mi rivolgo ai cittadini ucraini. Nel 2014, La Russia è stata obbligata a proteggere gli abitanti della Crimea e Sebastopoli da quelli che tu stesso chiami “nazisti”. Crimea e Sebastopoli hanno fatto la loro scelta-di essere con la loro patria storica, con la Russia, e abbiamo sostenuto. Ripeto, non poteva fare diversamente.

Gli eventi di oggi non sono associati con il desiderio di violare gli interessi Dell’Ucraina e del popolo ucraino. Essi sono associati con la protezione della Russia stessa da coloro che hanno preso L’Ucraina in ostaggio e cercando di usarlo contro il nostro paese e il suo popolo.

Ripeto, le nostre azioni sono auto-difesa dalle minacce che ci vengono poste e da problemi ancora più grandi di quello che sta accadendo oggi. Per quanto difficile possa essere, VI Prego di capire questo e invito all’interazione, per trasformare questa tragica pagina il prima possibile e andare avanti insieme, non permettere a nessuno di interferire con i nostri affari, i nostri rapporti, e costruire da soli-in modo che crei le condizioni necessarie per superare tutti i problemi e, nonostante la presenza di confini di Stato, ci Credo che questo sia il nostro futuro.

Deve rivolgersi ai soldati delle Forze Armate Dell’Ucraina.

Cari compagni! I vostri padri, nonni, bisnonni non hanno combattuto contro i nazisti, difeso la nostra patria comune, in modo che i neonazisti di oggi abbiano preso il potere in Ucraina. Hai prestato giuramento di fedeltà al popolo ucraino, non alla giunta anti-popolare, che saccheggia L’Ucraina e deride questo stesso popolo.

Non obbedite ai suoi ordini criminali. Vi incoraggio a deporre le armi immediatamente e a tornare a casa. Spiegherò: tutti i soldati dell’esercito ucraino, che soddisferanno questo requisito, saranno in grado di lasciare senza impedimenti la zona di guerra e tornare alle loro famiglie.

Ancora una volta con insistenza sottolineare: tutta la responsabilità per il possibile spargimento di sangue sarà interamente sulla coscienza del governo sul territorio dell’Ucraina regime.

Ora alcune parole importanti e molto importanti per coloro che potrebbero essere tentati di interferire con gli eventi in corso. Chiunque cerchi di impedirci, e ancor meno di creare minacce per il nostro paese, per il nostro popolo, dovrebbe sapere che la risposta della Russia sarà immediata e ti porterà a conseguenze che non hai mai affrontato nella tua storia. Siamo pronti per qualsiasi sviluppo. Tutte le decisioni necessarie a questo proposito sono state prese. Spero di essere ascoltato.

Cari cittadini russi!

Il benessere, l’esistenza stessa di interi stati e popoli, il loro successo e la loro vitalità hanno sempre origine nel potente sistema radicale della loro cultura e valori, esperienze e tradizioni ancestrali e, naturalmente, dipendono direttamente dalla capacità di adattarsi rapidamente alla vita in continua evoluzione, dalla coesione della società, dalla sua volontà di consolidare, riunire tutte le forze per andare avanti.

La forza è necessaria sempre, sempre, ma la forza può essere di qualità diversa. Al centro della politica dell’impero della menzogna, di cui parlava all’inizio del suo discorso, si trova principalmente una forza grezza e diretta. In questi casi, ci viene detto: “il potere è, la mente non è necessaria”.

E noi sappiamo che il vero potere è nella giustizia e nella verità che è dalla nostra parte. E se è così, è difficile non essere d’accordo sul fatto che è la forza e la volontà di combattere alla base dell’indipendenza e della sovranità, sono le fondamenta necessarie su cui solo puoi costruire in modo affidabile il tuo futuro, costruire la tua casa, la tua famiglia, la tua patria.

Cari compatrioti!

Sono sicuro che i soldati e gli ufficiali delle forze armate russe, fedeli al loro paese, svolgeranno professionalmente e coraggiosamente il loro dovere. Non dubito che tutti i livelli di potere agiranno in modo coerente ed efficace, gli specialisti responsabili della sostenibilità della nostra economia, del sistema finanziario, della sfera sociale, dei leader delle nostre aziende e di tutte le imprese russe. Conto su una posizione consolidata e patriottica di tutti i partiti parlamentari e le forze pubbliche.

In definitiva, come è sempre stato nella storia, il destino della Russia è nelle mani sicure del nostro popolo multinazionale. Ciò significa che le decisioni saranno soddisfatte, gli obiettivi fissati-raggiunti, la sicurezza della nostra patria-è garantita in modo affidabile.

Credo nel vostro sostegno, nella forza invincibile che ci dà il nostro amore per la patria.

RassegnaStampa

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog