L’Iran condanna al carcere due giornaliste

2 mins read
iran - carcere - giornaliste

L’Iran condanna al carcere due giornaliste – Due giornaliste iraniane trascorreranno circa un mese dietro le sbarre come parte di una pena detentiva di tre anni parzialmente sospesa per “cospirazione” e “collusione”, come hanno riferito domenica i media locali.


In base alla sentenza, Negin Bagheri ed Elnaz Mohammadi sconteranno un quarantesimo della pena, ovvero meno di un mese, di prigione, ha detto il loro avvocato Amir Raisian al quotidiano riformista Ham Mihan, dove lavora Mohammadi.
“Il restante periodo è sospeso per cinque anni”, durante i quali sarà loro richiesto di seguire “una formazione in etica professionale” e “non sarà loro consentito lasciare il Paese”, ha aggiunto l’avvocato.
Raisian non ha spiegato se il verdetto possa essere impugnato e il rapporto non ha dettagliato le accuse contro i giornalisti.
La sorella di Mohammadi, Elahe, che lavora anche lei per Ham Mihan, è in prigione dal settembre 2022 dopo aver riferito del funerale di Mahsa Amini, 22 anni, morta durante la custodia della polizia.

Gruppi per i diritti con sede all’estero hanno segnalato numerosi arresti prima dell’anniversario della morte di Amini.


Sette uomini sono stati giustiziati in casi legati alle proteste che comportavano omicidi e altre violenze contro le forze di sicurezza.
I media locali hanno riferito il mese scorso che le autorità iraniane hanno interrogato o arrestato più di 90 giornalisti dopo le proteste.
Mercoledì, un’agenzia di stampa iraniana ha riferito che la giornalista Nazila Maroufian, che ha sfidato il rigido codice di abbigliamento iraniano ed è stata liberata su cauzione all’inizio di agosto, è stata nuovamente arrestata per non aver indossato il velo in pubblico.

Tratto da Arabnews

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ulisse senza Penelope

Ulisse senza Penelope Le retoriche più diffuse per rappresentare lo status del “non-cittadino”, sia esso immigrato,