Palermo: ragazza si ribella alla mafia nigeriana, quattro arresti

1 min read

Palermo – Una donna si ribella alla mafia nigeriana con l’aiuto di un pastore. In carcere finiscono quattro connazionali accusati di tratta di essere umani, riduzione in schiavitù, sequestro di persona, sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Sono tutti reati aggravati perché commessi dall’organizzazione mafiosa “Black Axe” (Ascia nera). L’operazione della polizia, nata dalle indagini della squadra mobile di Palermo – “Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione”-, è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia. Una ragazza nigeriana ha chiesto aiuto a un pastore pentecostale della stessa nazionalità. Voleva liberarsi dai suoi aguzzini.

Ha raccontato il suo inferno. Era stata segretata nel suo paese di origine. Poi le fu proposta la libertà. In cambio, però, doveva vendere il proprio corpo in Italia. Nel corso di un rito vodoo la giovane ha promesso di restituire i 15.000 euro necessari per raggiungere illegalmente il territorio italiano.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Perdonaci Saman

Perdonaci Saman – Con qualche piccolo trafiletto i media ci hanno informato che gli assassini di Saman