Zona Euro: l’energia spinge l’inflazione a nuovi massimi

5 mins read
euro

Zona Euro – Il tasso di inflazione nella zona euro ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 25 anni a dicembre, al 5% in un anno, ma quest’anno è previsto un calo.

L’Ufficio Europeo di Statistica non ha mai registrato una cifra del genere dall’inizio delle sue stime nel gennaio del 1997 per i 19 paesi che hanno adottato la moneta unica. A novembre l’inflazione nella zona euro aveva già battuto un record, al 4,9%.

L’indicatore supera di gran lunga l’obiettivo di inflazione del 2% nella zona euro della BCE, ma, per l’istituto monetario, questo aumento rimane transitorio e dovrebbe diminuire nel 2023 dopo un picco nel 2022.

L’impennata, osservata da mesi, si spiega soprattutto con l’eccezionale aumento dei prezzi del gas e dell’energia elettrica.

A dicembre, l’aumento annuale dei prezzi dell’energia ha raggiunto il 26%, molto più avanti delle altre componenti, come ha affermato Eurostat. I prezzi di generi alimentari, alcolici e tabacco sono ancora aumentati del 3,2% davanti a quelli dei beni industriali (2,9%) e dei servizi (2,4%).

Prima di Natale, la BCE aveva alzato in modo significativo le sue previsioni di inflazione nell’eurozona, citando i prezzi dell’energia, ma anche le difficoltà di approvvigionamento nell’industria che interrompono la produzione mentre la domanda dei consumatori è particolarmente forte. 

La BCE prevede ora un aumento dei prezzi del 3,2% nel 2022, rispetto all’1,7%. Prevede solo un ritorno al di sotto della soglia del 2%, suo obiettivo di medio termine, nel 2023, un orizzonte che negli ultimi mesi ha continuato ad allargarsi.

La presidente dell’istituto, Christine Lagarde, ha ritenuto “molto improbabile” un aumento nel 2022 dei suoi tassi chiave, attualmente ai minimi storici.

Inoltre, l’epidemia di contaminazioni da Covid-19, causata dalla nuova variante Omicron, sta creando ulteriore incertezza per l’economia europea e mondiale.

L’ analista di Capital Economics, Jack Allen-Reynolds, ha detto “Dopo aver raggiunto il 5,0% a dicembre, l’inflazione nell’area dell’euro dovrebbe diminuire quest’anno a causa del calo della componente energetica”.

“Un altro dato storico, ma d’ora in poi possiamo aspettarci tassi di inflazione più bassi, perché l’aumento dell’energia si calmerà”, ha commentato Bert Colijn, economista della banca ING.

L’aumento dei prezzi desta preoccupazione tra le famiglie i cui redditi non crescono allo stesso ritmo.

L’angoscia è particolarmente palpabile in Germania, la più grande economia europea, dove l’aumento dei prezzi, ai massimi dal 1992, ha risvegliato vecchi timori e compare sui titoli dei giornali “quale sarà il valore dei miei soldi? il futuro?” ,” L’onda sta arrivando per i consumatori “…

Tra i grandi paesi dell’area dell’euro, la Germania (5,7%) e la Spagna (6,7%) hanno registrato l’inflazione più alta lo scorso mese, superando la media europea. Al contrario, i prezzi sono rimasti relativamente ragionevoli in Italia (4,2%) e soprattutto in Francia (3,4%), secondo i dati europei armonizzati e calcolati da Eurostat.

L’inflazione è stata particolarmente elevata nei paesi baltici, con il livello più alto per l’area dell’euro registrato dall’Estonia (12%), davanti alla Lituania (10,7%), mentre gli aumenti dei prezzi più bassi hanno riguardato Malta (2,6%) e la Finlandia (3,2%) .

Ma la situazione è ancora più tesa negli Stati Uniti con i prezzi al consumo che sono aumentati del 6,8% a novembre, un ritmo che non si vedeva da giugno 1982, o quasi da 40 anni. Brutte notizie Joe Biden, che ha promesso di invertire la tendenza ma sta lottando per far adottare il suo piano di spesa sociale e ambientale.

Secondo il verbale dell’ultima riunione monetaria, pubblicato mercoledì, i funzionari della Fed ritengono che potrebbe esserci una giustificazione per aumentare i tassi di interesse prima del previsto, soprattutto se Omicron rafforzerà ulteriormente gli aumenti dei prezzi.

Come la BCE, la Fed ha alzato le sue proiezioni sull’inflazione, tuttavia, ha ritirato dal suo comunicato ufficiale l’aggettivo “transitorio”, utilizzato dall’inizio della crisi per descrivere il rialzo dei prezzi.

Tratto da Arabnews

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog