Afghanistan: Nazioni Unite “Shock finanziario senza precedenti”

3 mins read
afghanistan

In Afghanistan la disoccupazione femminile farà precipitare la carestia nel Paese 

Le Nazioni Unite in un rapporto pubblicato mercoledì hanno avvertito che negare il lavoro alle donne in Afghanistan aggraverà la “catastrofica” crisi economica in cui è precipitato il Paese dopo il ritiro occidentale e il ritorno al potere dei talebani.

Le dichiarazioni da parte delle Nazioni Unite sono le seguenti “le prospettive sociali ed economiche per l’Afghanistan 2021-2022” indicano che la crisi economica e umanitaria in Afghanistan “si aggrava” e “dobbiamo affrontarle per salvare vite” minacciate dalla povertà e dalla fame.

Ha anche chiarito che l’Afghanistan sta affrontando uno “shock finanziario senza precedenti” oltre alle sanzioni economiche occidentali contro i talebani. Il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, in particolare, ha rilevato le potenziali conseguenze delle restrizioni imposte dai talebani al lavoro delle donne, che hanno permesso solo a una parte delle donne che svolgono lavori governativi di tornare a lavorare.

“Le donne costituiscono il 20% della forza lavoro totale e questa percentuale è vitale per alleviare la catastrofe economica in Afghanistan”, ha detto all’AFP il direttore del programma in Asia Kani Winyaraja.

Il programma delle Nazioni Unite ha stimato che senza l’occupazione femminile, il prodotto interno lordo dell’Afghanistan si ridurrebbe “dal 3 % al 5 %”, il che equivale a una perdita di ricchezza compresa tra i 600 milioni e il miliardo di dollari.

Ha anche aggiunto che il danno “dipenderà dalla gravità delle restrizioni imposte, ma è difficile valutare qualcosa al momento perché i talebani sono ancora vaghi su questo argomento”.

A tutto ciò si aggiunge una perdita di consumi, in quanto le donne che smettono di lavorare non percepiscono più uno stipendio e non possono più mantenere lo stesso trend di acquisto, che può raggiungere i 500 milioni di dollari all’anno secondo il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, quindi “tutte le donne e gli uomini che sono in grado di lavorare devono tornare a lavorare” per agire e fare del loro meglio per mitigare lo shock economico e costruire un futuro per il Paese”, ha detto Winyaraja.

È interessante notare che l’economia del paese, considerato la più povera dell’Asia, ha sofferto a lungo a causa di guerre e siccità. Poi il ritiro degli occidentali e il ritorno al potere dei talebani ad agosto hanno privato il governo della sua principale risorsa, gli aiuti internazionali, che rappresentavano il 40 % del  prodotto interno lordo e finanziavano l’80 % del  bilancio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog