L’UE afferma che i talebani “non ascoltano” gli afgani con il divieto della scuola per le ragazze

4 mins read
UE: diritto allo studio per le ragazze
(Fonte: "Arab News")

KABUL: L’interruzione dell’istruzione delle ragazze da parte dei talebani mostra che gli islamisti intransigenti non ascoltano il popolo afgano e rappresenta un grosso ostacolo al riconoscimento internazionale del nuovo regime, ha affermato giovedì un alto funzionario dell’Unione europea.
A marzo, le autorità talebane hanno ordinato la chiusura di tutte le scuole secondarie femminili, poche ore dopo averle riaperte per la prima volta da quando hanno preso il potere nell’agosto dello scorso anno.
La decisione, annunciata dal leader supremo del Paese e capo del movimento Hibatullah Akhundzada, ha suscitato un diffuso sdegno nella comunità internazionale.
Le nazioni occidentali hanno promesso aiuti per affrontare la spirale della crisi umanitaria in Afghanistan subordinati al rispetto da parte dei talebani dei diritti umani, in particolare dei diritti delle donne al lavoro e all’istruzione.
Ma l’inviato speciale dell’UE in Afghanistan, Tomas Niklasson, ha detto all’AFP che il veto talebano sulle scuole femminili “ci ha messo in testa alcuni dubbi su quanto siano affidabili le loro promesse e su quanto possano essere affidabili come partner”.
“Sembra essere un governo che non ascolta davvero la sua gente”, ha detto, aggiungendo che ciò che le donne vogliono veramente è il diritto al lavoro, all’istruzione, all’accesso alle strutture sanitarie e “non istruzioni su come vestirsi”.
I talebani avevano ripetutamente assicurato che avrebbero riaperto le scuole secondarie per ragazze, ma il 23 marzo ne hanno ordinato la chiusura dopo che decine di migliaia di adolescenti si erano accalcate per frequentare le lezioni.

Devono ancora offrire un nuovo calendario su quando le istituzioni saranno riaperte. “Se le scuole apriranno relativamente presto in tutto il paese a tutti i livelli per ragazzi e ragazze, questo potrebbe essere un passo avanti positivo”, ha detto Niklasson mentre concludeva una visita di cinque giorni a Kabul. Ha affermato che la rimozione del divieto di istruzione delle ragazze sarebbe un “cambiamento drammatico” che, se accompagnato da garanzie per altre libertà civili, protezione delle minoranze e diritti delle donne, potrebbe aiutare a sostenere i talebani per il riconoscimento internazionale. Tuttavia, ha avvertito che l’UE attualmente crede che l’Afghanistan sia nella morsa di “una tendenza all’arretramento”. I talebani hanno revocato diverse libertà conquistate dalle donne durante i due decenni di intervento militare guidato dagli Stati Uniti. Hanno effettivamente bandito le donne da molti lavori governativi e dal viaggiare da sole se non accompagnate da un parente maschio adulto. La scorsa settimana Akhundzada ha anche emesso un decreto che ordina alle donne di coprirsi completamente in pubblico, compreso il viso. Ha anche ordinato alle autorità di licenziare le dipendenti del governo che non seguono il nuovo codice di abbigliamento e di sospendere i lavoratori maschi se le loro mogli e figlie non si conformano. Alcune donne afghane inizialmente hanno respinto contro le striscianti nuove limitazioni, tenendo piccole proteste. Ma i talebani hanno presto arrestato le leader, arrestandole in segreto, negando che fossero state detenute. Mercoledì, dei talebani hanno disperso una piccola protesta di donne contro il codice di abbigliamento del burqa e hanno persino impedito ai giornalisti di coprirla.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Perdonaci Saman

Perdonaci Saman – Con qualche piccolo trafiletto i media ci hanno informato che gli assassini di Saman