Sudan: manifestanti in strada per il 4° giorno consecutivo

2 mins read
sudan - manifestanti

Sudan – Centinaia di sudanesi, oggi, hanno manifestato contro il governo militare per il quarto giorno consecutivo a Khartoum e nei suoi sobborghi.

Giovedì la capitale sudanese ha vissuto la sua giornata più sanguinosa dall’inizio dell’anno con la morte di nove manifestanti che chiedevano il ritorno al potere dei civili a più di otto mesi dal colpo di stato militare che ha fatto precipitare il Sudan nella violenza e aggravato la crisi economica.

Il golpe guidato il 25 ottobre 2021 dal capo dell’esercito, il generale Abdel Fattah al-Burhane, ha messo fine brutalmente a una fragile divisione di potere tra civili e soldati instauratasi dopo il licenziamento nel 2019 da parte dell’esercito del dittatore Omar al-Bashir, sotto la pressione di una rivolta popolare.

Domenica a Khartoum, i veicoli delle Rapid Support Forces (RSF), un potente gruppo paramilitare, hanno attraversato il quartier generale dell’esercito e diverse strade del centro della capitale.

Venerdì e sabato i manifestanti sono stati dispersi con gas lacrimogeni.

Le RSF, guidate dal numero due al potere militare, Mohamed Hamdan Daglo detto “Hemedti”, provengono dalla milizia armata dei Janjawid accusati di aver commesso atrocità nella regione sudanese del Darfur (ovest). La RSF è stata accusata di essere coinvolta nella repressione della rivolta del 2019.

La repressione delle manifestazioni di giovedì è stata condannata dalla comunità internazionale e l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet che ha chiesto  un'”indagine indipendente”.

Dal golpe, 112 manifestanti sono stati uccisi e migliaia feriti dalle forze di sicurezza che, secondo l’ONU, sparano regolarmente proiettili veri sulla folla.

L’8 giugno l’Onu e l’Unione africana hanno avviato un dialogo per cercare di porre fine all’impasse politica in Sudan, ma l’iniziativa è stata boicottata dai principali blocchi civili.

Tradotto da Arabnews

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog