La forza delle donne, di Luigia Aristodemo

2 mins read
convegno

La forza delle donne, di Luigia Aristodemo

Spesso immagino una lavagna nera e una mano che con un gessetto segna una linea di divisione. Nella prima colonna vedo i nomi di Marie Curie, Samantha Cristoforetti, Grazie Deledda, Rita Levi Montalcini, Sandra Savaglio, Margherita Hack, Anna Magnani.

Nell’altra colonna vedo i nomi di donne sconosciute ai più ma che lottano con forza tutti i giorni contro le ingiustizie, i soprusi, le violenze domestiche. Lottano per la dignità. Lottano contro discriminazioni sessuali, mobbing, disparità economica.

Ma cosa accomuna le donne della prima colonna e quelle della seconda colonna? La determinazione. Perché spesso, nelle difficoltà, escono fuori le emozioni e tutte le sfaccettature dell’essere donna, le paure si attenuano, si cerca di vincerle per superare il disagio. In una società disorientata non ė facile trovare una visione comune, non è facile sapere quale contributo dare. Ed allora naturalezza, spontaneità e determinazione diventano bussole e apparati comuni.
Sono le doti delle donne contemporanee che ancora faticano a vedersi riconosciuto un ruolo sociale decisivo e che sempre più spesso, sono vittime di quella diversità di vedute che viene loro ascritta come una debolezza più che come un punto di forza e d’innovazione.

Donne che hanno voglia di far sentire la loro voce su idee e temi concreti. D’altra parte – scriveva Oscar Wilde – “Date alle donne occasioni adeguate ed esse potranno tutto”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Neppure con un fiore!

Neppure con un fiore! di Salvatore Sfrecola “Le donne non si sfiorano neppure con un fiore!”