Iraq: i rivali del leader sciita Sadr aprono a elezioni legislative anticipate con delle condizioni

1 min read

Giovedì, gli oppositori politici del leader sciita Moqtada Sadr hanno affermato di essere aperti a elezioni parlamentari anticipate in Iraq a determinate condizioni, rispondendo a un appello dell’influente politico i cui sostenitori hanno occupato il parlamento per sei giorni.

Mercoledì sera, durante un discorso televisivo, Moqtada Sadr ha chiesto lo scioglimento del Parlamento e lo svolgimento di elezioni legislative anticipate, rifiutando qualsiasi dialogo con i suoi rivali politici, le fazioni sciite filo-iraniane del quadro di coordinamento.

“Il quadro di coordinamento afferma il suo sostegno a qualsiasi via costituzionale per risolvere le crisi politiche e raggiungere gli interessi del popolo, comprese le elezioni anticipate“, ha affermato la coalizione in una succinta dichiarazione rilasciata giovedì sera.

Ciò deve essere fatto “dopo aver raggiunto un consenso nazionale sulla questione e aver fornito un ambiente sicuro per la loro detenzione”, afferma la dichiarazione.

E soprattutto è importante “rispettare le istituzioni costituzionali e non interromperne il funzionamento”, aggiunge il comunicato, riferendosi al sit-in installato per sei giorni in Parlamento dai sostenitori sadristi.

A dieci mesi dalle ultime elezioni legislative, l’Iraq attende ancora la nomina di un nuovo Primo Ministro e di un Presidente della Repubblica, in un contesto di interminabili negoziati e liti politiche.

Il ballottaggio dell’ottobre 2021 è stato vinto dalla Corrente sadrista, che è stato il primo blocco in Parlamento con 73 deputati su 329.

(Fonte: “Arab News”)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog