Burkina Faso: almeno 11 soldati uccisi e 50 civili dispersi

4 mins read
burkina faso attentato

Burkina Faso: almeno 11 soldati uccisi e 50 civili dispersi – Almeno undici soldati sono stati uccisi lunedì in un attacco da parte di sospetti jihadisti ad un convoglio di rifornimenti nel nord del Burkina Faso, un bilancio che potrebbe essere molto più alto con circa 50 civili ancora dispersi.

“Un convoglio di rifornimenti diretto alla città di Djibo è stato oggetto di un attacco codardo e barbaro. Il bilancio provvisorio è di 11 soldati morti e 28 feriti”, ha scritto il portavoce del governo Lionel Bilgo in una nota. “Mancano anche una cinquantina di civili e le ricerche continuano”, prosegue il testo.

Il bilancio potrebbe però essere molto più pesante, una fonte della sicurezza riferendosi all’Afp “una sessantina di vittime”. “Praticamente l’intero convoglio, veicoli e cibo, è stato dato alle fiamme”, ha continuato la fonte.

I video ricevuti da fonti di sicurezza dall’AFP mostrano diversi camion bruciati e sventrati sul ciglio di una strada.

Il convoglio è stato oggetto di un’imboscata, nei pressi della cittadina di Gaskindé, cittadina situata nella provincia di Soum, ha dichiarato il personale  in un comunicato stampa. “L’attacco ha anche causato danni materiali significativi”, ha detto Bilgo.

“Certo, siamo afflitti dall’attuale tragedia e dalle crudeli perdite che stiamo registrando, ma restiamo in piedi, uniti e uniti per liberare il nostro caro Paese Burkina Faso”, ha detto, ricordando l’impegno delle “forze patriottiche nel combattere il terrorismo per mantenere il giuramento di difendere e liberare il nostro popolo dalla morsa delle forze oscurantiste che vogliono renderlo schiavo attraverso la violenza cieca e il terrore”.

Un altro attacco mortale ha preso di mira un convoglio di rifornimenti nel nord del paese all’inizio di settembre. L’esplosione di un ordigno artigianale tra Djibo e Bourzanga aveva causato la morte di almeno 35 civili, tra cui diversi bambini.

Questi convogli, scortati dall’esercito, riforniscono le città del nord, in particolare Djibo, oggetto di un blocco da parte di gruppi jihadisti che di recente hanno fatto esplodere i ponti sulle strade principali.

Il Burkina Faso – in particolare il nord e l’est – si confronta come molti dei suoi vicini con la violenza dei movimenti armati affiliati ad Al-Qaeda e al gruppo dello Stato Islamico, che dal 2015 hanno causato migliaia di morti e circa due milioni di sfollati.

Il 24 gennaio, i soldati hanno preso il potere in Burkina con un colpo di stato sostenendo di voler fare della sicurezza la loro priorità. Ma gli attacchi restano numerosi.

Domenica, un altro convoglio scortato dall’esercito, partito il giorno prima da Dori, capitale della regione del Sahel per rifornire la città di Sebba, è stato bersaglio di un attacco con un ordigno esplosivo improvvisato, secondo fonti sicure.

Quattro persone sono rimaste ferite durante questo incidente e il convoglio è ancora arrivato lunedì, accolto dal giubilo popolare.

Sabato, secondo l’esercito, due soldati e due ausiliari dell’esercito civile sono stati uccisi in un attacco “terroristico” contro una pattuglia nella provincia di Tapoa, una regione del Burkina orientale, al confine con Niger e Benin.

Tratto da Arabnews

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog