CHI GESTISCE IL MONDO ADESSO, FACEBOOK?

3 mins read
facebook

Quando Facebook non funziona, domina Twitter. Lo si è dimostrato di recente, quando tutti i servizi di social media di proprietà di Facebook sono rimasti fuori uso per sei ore. Dopo ore di congetture, Facebook ha dato la colpa dell’interruzione a un problema tecnico interno, senza prove che i dati degli utenti siano stati compromessi. E sebbene questa sia una buona notizia, sia i consumatori sia i marchi hanno dovuto pagare il prezzo (e l’inconveniente) di trovarsi con un gigante della tecnologia come unico proprietario di (quasi ) tutti i maggiori social network a livello mondiale. Ma questa volta, è stato Twitter a farsi l’ultima risata.

Mentre i tecnici di Facebook cercavano di trovare una soluzione al problema dell’interruzione, Twitter ha proseguito con il suo approccio audace, divertente e umano al problema. Pochi istanti dopo l’interruzione dei servizi di Facebook, l’account ufficiale di Twitter dichiarava: “ciao letteralmente a tutti”. Boom: è stato sufficiente per avviare un fantastico thread, dove clienti e marchi si sono uniti alla conversazione, inclusi WhatsApp, Facebook e Instagram.

L’intera situazione è solo un altro esempio delle sfide che il settore della pubblicità e, in definitiva, i consumatori, affrontano quando si affidano quasi interamente a una società tecnologica o solo a pochi grandi protagonisti. Durante quelle sei ore, l’interruzione dei servizi ha colpito più di 3,5 miliardi di persone. L’effetto domino è andato anche oltre, poiché molti usano Facebook per accedere ad altre app e servizi.

Mentre i consumatori non riuscivano a rimanere in contatto con le persone a cui tengono o ad accedere ad altri servizi, i marchi si sono trovati di fronte a un colpo finanziario inaspettato e molti si sono rivolti a Twitter come unico modo per raggiungere i clienti.

Detto questo, non sarebbe meglio che i marchi capissero veramente il comportamento dei consumatori e come raggiungerli al momento giusto al di là di Facebook e Instagram? Certo, sarebbe sciocco non riconoscere il potere dei social media, ma i marchi non dovrebbero trasformarli nell’unica opzione fruibile disponibile. Questa dipendenza eccessiva da un’esigua manciata di grandi attori è un argomento fondamentale che dobbiamo continuare ad affrontare come settore. Questa interruzione ha evidenziato questa sfida.

Dopo il massiccio impatto dell’interruzione, potrebbe sembrare che Facebook stia governando il mondo. Tuttavia, almeno per qualche ora, Twitter è passato alla storia aggiungendo immediatezza e semplicità nell’attirare l’attenzione dei marchi e dei clienti e riportarli sulla piattaforma.

Engage

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog