Sudan, accordo tra governo e ribelli

1 min read
Sudan

La Dichiarazione dei principi, sottoscritta domenica scorsa tra governo e i leader del Movimento di Liberazione del popolo del Sudan del Nord (SPLM-N), guidato da Abdel Aziz Al-Hilu, nella capitale del Sud Sudan, Giuba, ha posto in evidenza le priorità delle due parti, ossia l’istituzione di uno Stato democratico e laico con libertà di religione.

Il portavoce della delegazione negoziale dell’SPLM-N, Koko Muhammad Jaqdoul, ha dichiarato: “La separazione della religione dallo Stato è essenziale per il movimento ed è necessaria per raggiungere la pace”, indicando che l’accordo tratta questioni importanti come il rapporto della religione con lo Stato, l’identità e le questioni di governance.

In un’intervista ad Al-Sudani, Jaqdoul ha affermato che la Dichiarazione di principi garantisce la sopravvivenza dell’SPLM-N fino a quando la separazione tra religione e Stato non sarà inclusa nella costituzione. Secondo il documento, dunque, alcuna religione non sarà imposta e lo Stato non adotterà alcuna religione ufficiale, restando così imparziale in termini di questioni religiose e di fede e coscienza.

I ribelli del Movimento di Liberazione del popolo del Sudan del Nord chiedevano da tempo uno Stato laico, lo scioglimento delle milizie dell’ex presidente Omar al-Bashir e il rinnovamento delle forze armate del Paese. A tal proposito le due parti hanno concordato di formare un unico esercito nazionale, prevedendo la completa integrazione del gruppo ribelle nell’esercito sudanese alla fine del periodo di transizione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Neppure con un fiore!

Neppure con un fiore! di Salvatore Sfrecola “Le donne non si sfiorano neppure con un fiore!”